Solidarietà FamigliaDocumentazione Progetti

Associazione Solidarietà Famiglia     ONLUS L’Aquila

 

 

RIEPILOGO SITUAZIONE PROGETTI PRESENTATI : fine 2011 – 2013

Ente

data

Titolo 

descrizione

esito

Ministero del Lavoro e delle   Politiche Sociali

Osservatorio   nazionale per il volontariato

 

Ottobre 2011

 

quale partner del  Centro   Studi Gioacchino Volpe – Capofila

 Giovani volontari di   prossimità

Con la collaborazione   di:

Università   L’Aquila-Scuola di Specializzazione in Psichiatria, il CL in Medicina e   Chirurgia e il CL in Tecnica della Riabilitazione Psichiatrica

 Il progetto si pone come obiettivo generale quello di ricostruire una rete di legami sociali e di   azioni di auto mutualità tra cittadini, terzo settore e istituzioni   attraverso l’implementazione e diffusione di sportelli di prossimità.   Elemento innovativo rispetto alle attività svolte dagli sportelli di   prossimità “classici” è quello comunicativo attraverso il mezzo televisivo.

Uno degli obiettivi della “TV di prossimità” è   quello di coinvolgere i giovani. Infatti si intende incentivare la   partecipazione dei giovani nella conduzione e creazione di format televisivi   finalizzati ad accendere i riflettori e l’attenzione sulle problematiche   della popolazione residente sui territori ed a fornire spazi di dialogo ,   informazione e formazione. 

Finanziato

In attesa firma convenzione

CSVAQ  “formazione”

gennaio 2012

Adolescenza e prossimità

 

 Nel potenziare le nostre attività e la rete di collaborazione  con le scuole sorge l’esigenza dei nostri   volontari e soci e quanti per diversi motivi collaborano e si sono rivolti  alla nostra associazione, di formarsi sul   vasto e particolare mondo dell’adolescenza e dello sviluppo.

 

Finanziato

attuato

Fondazione   CARISPAQ

febbraio 2012

Territorio e prossimità

Con la   collaborazione:

Parrocchia S. Pio X al Torrione Parrocchia Santa   Maria Assunta di Paganica

 Il progetto intende promuovere e rafforzare le già presenti realtà di   prossimità sociale, in particolare presso i nuovi quartieri residenziali   Progetti Case, attraverso Sportelli di prossimità stabili (nel quartiere del   Torrione e di Bazzano Case) e creazione di uno sportello di prossimità mobile   che opererà nelle aree destinate al progetto, tra cui il progetto CASE di   Paganica 2.

Finanziato

attuato

Regione   AbruzzoL.R. 2.5.1995, n. 95,

l “Piano Regionale di interventi in favore   della Famiglia. Anno 2011”

febbraio 2012

 

Adolescenza – scuola – famiglia

Con la   collaborazione:

Parrocchia S. Pio X al Torrione          Scuola Media “Alighieri” – L’Aquila e   Direzione Didattica “A. De Gasperi”- L’Aquila

 

E’ un progetto  di   promozione e diffusione di interventi a sostegno della genitorialità nel          percorso di crescita e di   formazione dei figli con il diretto coinvolgimento dei  bambini e adolescenti del Polo Scolastico   complesso con unica Direzione S. Media Dante Alighieri – L’Aquila e Direzione   Didattica A. De Gasperi ( Scuole dell’infanzia e Scuole Elementari). 

In graduatoria

Regione AbruzzoL.R.   n. 41/2011

adeguamento   delle infrastrutture sportive, ricreative e per favorire l’aggregazione   sociale nella città di L’Aquila e degli altri Comuni del cratere

Aprile 2012

I colori del Camaleonte

Il progetto “ I colori del Camaleonte”, che prevede la realizzazione   di un campo di gioco per  lo sviluppo   di attività ricreativo-sportive , si inserisce nella nuova realtà sociale del   quartiere Torrione che necessita di dotarsi di  servizi destinati ad un target specifico di   giovani adolescenti.Pertanto si vuole intervenire affinché il Centro Aggregativo “Il   Camaleonte” possa  essere sempre più   punto di riferimento stabile per i giovani e le famiglie del quartiere e   delle zone limitrofe.

 

In graduatoria

Bando Servizio Civile Ottobre 2012 PROSSIMITA’:   L’ABC DELLA SOLIDARIETA’!Il volontariato per i giovani e le famiglie L’area adolescenti è caratterizzata dall’esigenza   di colmare la carenza nell’offerta dei servizi di servizi specifici di   ascolto e aggregazione per adolescenti coinvolgendo nella pianificazione e   realizzazione di interventi anche il terzo settore quale risorsa territoriale   strategicamente importante.Nella   Sezione IV il Comune dell’Aquila – per l’Area Infanzia, Adolescenti, Giovani   e Famiglia – nella nuova programmazione definisce i seguenti obiettivi:

–           Cura e   tutela minori in condizioni disagio;

–            Sostegno alla genitorialità in condizione di   disagio;

–            Sostegno alla crescita armonica dei minori   inseriti in famiglie conflittuali, disagiate, inadeguate;

–            

La   presenza dei Volontari del Servizio Civile ( previsti n°6) consentirà di   perseguire questi obiettivi collaborando all’iniziative Comunali che intende   coinvolgere le associazioni in una rete di servizi di prossimità.;

 

 

Allegato “2” alla DL34/76 del 23/04/2013Ammesso al 26 ° posto

Ente

Data

2013

Titolo 

descrizione

esito

Fondazione   CARISPAQ

Febbraio 2013

Generazione in crescita

 L’intento del progetto è quindi quello di costituire   mediante apposita informazione e formazione un gruppo di giovani adolescenti   (15 -17 anni) che supportati da tutors nelle varie discipline possano   apprendere le modalità di interazione e gestione di piccoli gruppi di minori   al fine di attuare un processo di educazione alla pari mediante attività di   carattere sportivo.

 

Finanziato

attuato

Comune dell’Aquila

Maggio

2013

               Azione

“ Rete dei servizi

di prossimità”

Piano di zona 2011- 2013

Obiettivi dell’Azione   speciale “Rete Servizi di Prossimità”:

– creare un sistema   misto di interventi e servizi alla persona la cui caratteristica peculiare è   quella di spostare l’accesso e l’erogazione di interventi nel territorio e,   quanto più possibile, “in prossimità” dei nuovi insediamenti;

– sostenere i   cittadini anziani ultrasessantacinquenni e disabili, nonché famiglie e   singoli, a rischio di esclusione sociale, con priorità per le persone   sfollate a causa del sisma, interessate da processi di delocalizzazione   abitativa, (progetto CASE e Map – Frazioni decentrate..), nella gestione   della vita quotidiana, nella partecipazione alla vita sociale e nella   costruzione di nuovi micro contesti;

– avviare un processo   d’integrazione pubblico-privato sociale, aperto ad ulteriori collaborazioni,   sperimentando modelli d’intesa e prassi operative di lavoro di rete formale,   in grado di migliorare il sistema generale dei servizi sociali;

– valorizzare e sostenere le diverse realtà associative, storiche e/o   di recente costituzione, operanti nell’area della sicurezza sociale e del   sostegno alle famiglie, impegnate nelle specifiche aree di bisogno oggetto   dell’Intervento, anche attraverso l’erogazione di un incentivo economico.

 

Ammesso

Comune dell’Aquila 

Giugno

2013

La rete di “Estate Ragazzi”

Campi Estivi 2013

Richiedente : Parroco S. Pio X

Un progetto concreto ed articolato che rappresenta una risposta non   solo per le esigenze delle famiglie e dei più piccoli; ma anche per   moltissimi giovani ragazzi che, come animatori ed educatori, avrebbero in tal   modo l’opportunità di svolgere un’attività estiva in città con la quale   esprimersi e mettersi in gioco. E’ su questo contesto che si muove l’azione   congiunta delle organizzazioni che nel Comune dell’Aquila si occupano di   bambini e ragazzi. Queste realtà hanno deciso di organizzarsi in rete tra   loro per collaborare insieme nell’organizzazione di iniziative, gite,   attività sportive e ludico-formative rivolte ai bambini e ai ragazzi del   nostro territorio, coinvolgendo i    volontari per una cooperazione a largo raggio. Il ruolo delle   organizzazioni che si rivolgono ai più giovani assume così un ruolo cruciale.    

Ammesso

Comune dell’Aquila 

Luglio

2013

Manifestazione di interesse a partecipare alla gara per la concessione   in diritto di superficie delle aree polivalenti di proprietà del Comune di   L’Aquila ubicate all’interno degli insediamenti del Progetto C.A:S.E.

A seguito dei processi di mobilità residenziale verificatisi dopo il   sisma del 2009 sono stati attivati due “sportelli di prossimità”nei nuovi   insediamenti del progetto CASE:sportello di prossimità di Bazzano portello di   prossimità di Paganica L’Associazione è inoltre partner nel progetto “ Giovani volontari di   prossimità”, capofila l’Associazione Centro Studi Giacchino Volpe, che   prevede tra l’altro l’apertura di uno Sportello di prossimità nel progetto   CASE di Pagliare di Sassa.

L’Associazione intende quindi partecipare alla ricognizione messa in   atto dal Comune, in quanto soggetto interessato all’insediamento, ed al   mantenimento, in forma stabile e programmata di strutture destinate ad   attività sociali di prossimità nelle aree polivalenti dei progetti CASE.

presentato

Regione AbruzzoD.G.R.   n. 506 del 08/07/2013

Avviso pubblico “LAB(ORATORI)”

agosto 2013

Ragazzi in crescita:

attività sportive e culturali

      Il progetto “Ragazzi in crescita: attività sportive e   culturali” intende fornire a sempre più ragazzi una opportunità  di fare una preziosa esperienza di crescita   individuale e di gruppo, contrastando i fenomeni di emarginazione sociale e   di devianza e promuovendo l’inclusione sociale attraverso attività sociali e   culturali. Viene così esaltato il ruolo principe del nostro oratorio la   cui  connotazione è prevalentemente   sociale ed educativa. Si può sintetizzare la proposta progettuale tenendo   conto delle azioni che si intendono realizzare:formazione dei ragazzi alla   conoscenza dei valori dello sport, ( lealtà, solidarietà, rispetto   dell’avversario, abilità tecniche; –                   formazione dei giovani in ambito culturale   storico – ambientale tesa alla conoscenza del patrimonio storico e  naturalistico e delle realtà istituzionali   presenti sul territorio preposte alla sua tutela e valorizzazione.

–                 avviare   esperienze pratiche attraverso le quali i giovani mettono alla prova se   stessi in attività di carattere sportiva (attività di calcio a 5)

–                 avviare   esperienze dirette attraverso le quali i giovani vengono a contatto con   l’ambiente e i valori culturali, sotto la guida di persone qualificate, in   visite di siti  archeologici, musei  e riserve naturali del territorio.

 

presentato

CSVAQFormazione   2013

settembre 2013

Giovani volontari : vivere i servizi di prossimità

       Vorremmo riflettere sulla   possibilità di far diventare lo sportello una realtà attiva che influenzi   l’ambiente in cui opera. Ed ancora vorremmo riflettere sulle possibili  integrazioni delle attività di prossimità   in cui coinvolgere e formare i nostri giovani.        Abbiamo bisogno di coinvolgere e   formare i nostri giovani ai temi cardine della nostra associazione al fine di   creare una sinergia e rafforzare l’identità associativa dei nostri volontari   per dare  un servizio al prossimo   sempre più consapevole, completo e mirato. C’è sempre più l’esigenza di fare   rete con enti e associazioni e questo è possibile rafforzando in primis la   nostra rete di attività interne ed è per questo che vogliamo coinvolgere i   nostri giovani volontari, “quelli che lo sono stati” e coloro che si   avvicinano alla nostra associazione in un momento di formazione e riflessione   comune.

 

finanziato

Social Media
ToTop